Prodotti non disponibili

I prodotti di questo negozio non sono attualmente disponibili in questo paese. Acquista in altri negozi utilizzando i servizi Glopal.
Acquista ora in altri negozi
Salta al contenuto
NEMEN®_ FAQ Esclusive

NEMEN®_ FAQ Esclusive

NEMEN®_ FAQ Esclusive

Originario dell'Italia, NEMEN®_ è un marchio che reindirizza stili, tecniche e materiali dalle loro manifestazioni tipiche verso nuove estetiche e applicazioni. 

Per il lancio dell'AW20, il direttore creativo di NEMEN®_, Leonardo Fasolo, si è preso il tempo di rispondere a un'esclusiva Q&A sul suo marchio e sul processo creativo per MACHINE-A.

Acquista la collezione qui.

 Cosa ti ha interessato particolarmente del processo di tintura?

La tintura è come l'anima dei nostri prodotti, il respiro che dà loro vita. La tintura in capo, in particolare, presenta enormi difficoltà nella gestione di tutte le variabili legate ad una moltitudine di fattori che ci permette di ottenere una particolare sfumatura di colore (anche solo il nero è complicato) ed un effetto completamente integrato con il design di un modello. 

Richiede una profonda conoscenza del tessile e non è alla portata di tutti.

Mi piace pensare che questo processo, che affonda le sue radici in antiche tradizioni, possa trovare nuova espressione attraverso i prodotti NMN®.

Qual è stata la tua prima esperienza con la tintura?

Scavando nella mia memoria ricordo che da bambino passavo ore a lavorare su t-shirt con font/spray e stencil Letraset ma non sapevo nulla di coloranti. La mia prima esperienza con le tinture in capo risale all'inizio della mia carriera lavorando con Sportswear Company.

Da allora mi sono sempre avvicinato alla tintura da un punto di vista industriale, utilizzando macchinari e tecniche adeguate e sfruttando le potenzialità di specifici prodotti chimici.

Potresti spiegare i test e lo sviluppo che hanno luogo nel processo di tintura NEMEN®_?

È abbastanza complesso... prima di tutto collaboriamo con i nostri fornitori di tessuti per selezionare la materia prima, nel momento in cui guardiamo i tessuti definiamo le prove di trattamento e procediamo con le prime prove. Allo stesso tempo, nel nostro atelier di Milano, lavoriamo su modelli di forme e modelli di costruzione. 

Una volta ricevuti i test si procede con lo sviluppo del prototipo utilizzando i tessuti corretti e testando il trattamento scelto. Il prototipo viene poi testato e analizzato in tutte le sue componenti, prima di realizzare la collezione con il nostro partner di produzione. Nel frattempo, vengono preparate varie prove colore per definire i colori di tintura finali della collezione.

La nuova attenzione alla sostenibilità aggiunge ulteriore pressione o difficoltà ai tuoi processi di produzione? Hai dovuto cambiare le pratiche attuali? 

Uno dei tanti motivi per cui il Made in Italy resta un riferimento nel mondo della manifattura, è anche legato alle normative a cui siamo soggetti e all'elevata attenzione posta dall'Italia nel rispetto dell'ambiente e dei suoi lavoratori. Quindi lo standard qui è piuttosto alto e contribuisce agli elevati costi di produzione dei prodotti Made in Italy.

Se un marchio afferma di essere sostenibile, di solito non lo è. Non penso che debba essere necessariamente responsabilità esclusiva dei marchi, tanto quanto i governi che mettono in atto leggi che prevengano pratiche non sostenibili, e l'industria deve quindi allinearsi a queste normative.

Inoltre, i grandi marchi oggigiorno usano questa storia molto come strumento di marketing e parlano di cose che in realtà non sanno, affermando di utilizzare filati riciclati, ma poi dopo la produzione bruceranno migliaia di metri di tessuto avanzato.

La cosa più sostenibile è ridurre i consumi e produrre meno prodotti, più duraturi, ma di questo quasi nessuno ne parla. 

Per la prossima stagione SS di NEMEN, abbiamo deciso di dedicare una parte della collezione a quello che chiamiamo "Zero Waste" con l'obiettivo di utilizzare tutti i tessuti rimanenti, creando quantità limitate di prodotti in base esclusivamente alla disponibilità di magazzino con una lunga durata.

Se dovessi collaborare con un brand o un designer attuale, chi sarebbe e perché?

Penso che prima o poi dovremmo fare qualcosa di nuovo con ACRONYM®. Al di fuori del design dell'abbigliamento, prima o poi mi piacerebbe fare qualcosa con un'azienda italiana di design di mobili.

Il Tuo Carrello